Una metafora per parlare di psicologia

Intraprendere un percorso psicologico è un po’ come costruire un’opera.

E’ come costruire qualcosa, mattoncino dopo mattoncino, cercando di dare forma, senso e valore a quello che siamo e che vorremmo essere.

È come costruire una storia di cui siamo i protagonisti, una storia che parla di noi, di quello che ci piace e ci interessa, oppure a volte di quello che ci spaventa, ci fa piangere, ci fa sentire stanchi e smarriti.

Avvicinarsi a un percorso psicologico è un modo per avere cura, interesse e curiosità per questi mattoncini, come quando eravamo piccoli.

Mattoncini che possono essere tante cose: paure, insicurezze, progetti, delusioni, speranze, presente e passato.

È prendersi il tempo per metterli insieme come ci piace, come ci fa stare meglio, fino a essere orgogliosi e soddisfatti del risultato, fino a riuscire a guardare la nostra opera con comprensione, con affetto, con amore, superando le insicurezze e le paure iniziali.

L’opera che realizzeremo sarà del tutto personale, originale, unica, sarà nostra per sempre.

Sarà la nuova possibilità che avremo scelto di offrire a noi stessi e al nostro benessere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *